Archivio mensile Ottobre 2019

DiGuido Alberti

POSA CERTIFICATA DEL SERRAMENTO: NORME E PROCEDURE PER UN LAVORO QUALIFICATO

La posa certificata del serramento è ancora un tabù, soprattutto dal punto di vista normativo. Ecco perché parliamo di posa in opera qualificata, che risponda alle indicazioni di normativa e rispecchi le esigenze del cliente finale.  Ma a che punto siamo in Italia?

Posa certificata del serramento: quando possiamo definire certificato un intervento su un serramento?

Ho ideato posaqualificata.it per dare un contributo al mondo della posa, innalzando il livello degli interventi di posa in opera dei serramenti.

Proprio per questo motivo, voglio parlarti ancora una volta della sostanziale differenza tra posa qualificata e posa certificata. Avevo già parlato nel mio precedente articolo “La posa certificata dei serramenti non esiste” di questi due concetti molto simili tra loro, spesso abusati, ma che differiscono nel significato. Ed è giusto che tu, che stai cercando una posa in opera del serramento “professionale” sappia come stanno le cose ad oggi.

Posa certificata del serramento: Lo stato dei fatti in Italia

 

Nel momento stesso in cui sto scrivendo questo articolo (settembre 2019), non esistono ancora in Italia le condizioni necessarie per parlate di posa in opera certificata.

Una posa in opera dei serramenti può essere di sicuro qualificata. Ma non ci sono riferimenti normativi univoci per definire una posa certificata dei serramenti.

Questo non vuol dire che non si possano rilasciare dichiarazioni di corretta posa in opera.

Anche perché esistono di certo norme e protocolli volontari. È anche prevista la possibilità che un ente terzo possa certificare la posa in opera.

La certificazione, però, non riguarda mai l’esecuzione della posa. Si limita a certificare il processo.

 

Cosa vuol dire questo?

 

La certificazione attuale riguarda il processo e quasi mai l’esecuzione della posa in opera. Come orientarsi, allora?

 

Il processo di una posa certificata dei serramenti

 

Quando un ente terzo certifica la posa in opera di un serramento, non misura l’esecuzione dell’intervento. Non si avvale di precise prove in cantiere (come, ad esempio, la termografia oppure il Blower Door Test sul serramento, A-Wert). La verifica quindi, avviene sul processo.

Questo vuol dire che l’ente si accerta che il serramentista abbia rispettato tutte le prescrizione date dall’ente stesso. L’adempimento alle direttive, dunque, è l’unico elemento in gioco. Non ci sono altre prove che vengono considerate. Non si valutano, ad esempio, i risultati di una eventuale termografia o di una prova di tenuta all’aria – quindi di ermeticità – della posa in opera del serramento. Ecco perché parlare di posa certificata è improprio.

 

posaqualificata.it un punto di riferimento

 

posaqualificata.it ha visto la luce nel 2012 e da allora sostiene la posa in opera qualificata dei serramenti. Ad oggi, è diventato un punto di riferimento in grado di assicurare al cliente finale un processo con garanzia di risultato.

 

Ma cosa intendiamo per posa in opera qualificata?

 

La qualificazione di ogni singola fase dell’intervento è al centro del progetto posaqualificata.it. Questo processo assicura al cliente una garanzia di risultato che corrisponda alle sue aspettative. In questo modo, tutto l’intervento consente di raggiungere il risultato perfetto per le aspettative del cliente, vale a dire di avere un serramento che gli assicuri le prestazioni attese.

Si tratta di un modus operandi importante, che può cambiare del tutto le modalità di lavoro dei serramentisti. Inoltre, cambia anche lo sguardo del cliente stesso nei riguardi della posa in opera.

In più, posaqualificata.it non basa mai il proprio lavoro su situazioni standard, ma personalizza completamente gli interventi da fare.

Questo è possibile grazie all’intervento dei Consulenti Posa Qualificata di zona, che effettuano analisi via via più approfondite per garantire i risultati attesi al cliente finale.

Ogni intervento è realizzato per il contesto in cui viene effettuato e garantisce i risultati attesi da ciascun cliente.

Con posaqualificata.it ci occupiamo anche di testare la posa in opera in cantiere tramite strumenti adeguati.

Si valutano, così, eventuali dispersioni del serramento imputabili alla posa in opera, eventuali perdite, il grado di ermeticità e altri elementi significativi.

 

posaqualificata.it lavora in direzione di una certificazione completa della posa in opera del serramento

 

Certificato di corretta posa in opera: la strada da percorrere

 

Per essere definita tale, una posa certificata del serramento non può fare a meno di tutti gli elementi descritti. Mi occupo da molti anni di questo, e pongo sempre molta attenzione a tutte le evoluzioni nelle tecniche e anche nelle norme.

Faccio parte del gruppo di lavoro che ha redatto la seconda e la terza parte della UNI 11673, la norma di riferimento per la corretta posa in opera a livello nazionale. Posso, quindi, dire che la strada da percorrere è ancora lunga. Ma stiamo andando verso la definizione di una certificazione univoca.

Al momento, però, parlare di certificazione resta improprio, soprattutto quando si parla di certificazione del processo.

Da dove cominciare

 

Saperne di più è facile. Puoi cominciare da posaqualificata.it per trovare spunti interessanti e informazioni preziose che ti permetteranno di cambiare punto di vista nei confronti della posa in opera dei serramenti.

E, dato che la posa in opera da sola incide per il 75% sulla riuscita di un intervento, diventerai anche più consapevole e più accorto nelle tue scelte.

Ma la cosa più importante è che potrai richiedere consigli quando lo riterrai più importante.

Ti basterà cercare il Consulente Posa Qualificata di zona a te più vicino,  per decidere insieme come procedere. Partendo da un’analisi mirata, il consulente ti aiuterà a valutare le condizioni per eventuali analisi più approfondite.  Successivamente, discuterà con te di un eventuale piano di posa in opera qualificata adatto alle tue esigenze.

 

Questo processo è in grado di assicurarti risultati di qualità che soddisfino le tue aspettative.

 

La garanzia di un risultato impeccabile da un punto di vista tecnico, ma soprattutto che risponda alle tue aspettative. Ecco cosa vuol dire per noi posa in opera qualificata.

 

E da qui siamo pronti a conquistare anche la meta definitiva della posa certificata del serramento.

Se dai preventivi in tuo possesso non ti è chiaro cosa stai acquistando, contattaci. 
Rispondiamo sempre in 24 ore. 

alberti-sfondato-bn
DiGuido Alberti

UNI 11673: COSA DICE LA NORMATIVA POSA IN OPERA INFISSI?

La normativa UNI 11673-1 in materia di posa in opera dei serramenti è stata pubblicata il 2 marzo 2017 dall’Ente Italiano di Normazione, quando il quadro di regolamentazione era ancora abbastanza acerbo per il settore. Basti pensare, infatti che l’unica norma che “trattava” di posa in opera era la UNI 10818 (ne ho parlato nel precedente articolo “UNI 10818: ruoli e responsabilità nella posa dei serramenti“).

La UNI 11673 segna l’inizio di una nuova era per la posa in opera degli infissi, poiché vengono finalmente riconosciute ufficialmente una serie di regole da seguire per la corretta installazioni degli infissi.

Inoltre, il tavolo di lavoro ha da subito previsto la suddivisione della regolamentazione in tre step propedeutici e successivi, da sviluppare nel giro di pochi anni (è infatti notizia degli ultimi giorni, l’ufficializzazione della norma posa serramenti UNI 11673-2 e UNI 11673-3):

 

– UNI 11673-1 | Parte 1 – “Requisiti e criteri di verifica della progettazione

– UNI 11673-2 | Parte 2 – “Requisiti di conoscenza, abilità e competenza del posatore di serramenti

– UNI 11673-3 | Parte 3 – “Requisiti minimi per l’erogazione di corsi di istruzione e formazione non formale per installatori/serramentisti

 

Tra l’altro stiamo lavorando alla stesura della quarta parte, che chiuderà il cerchio. Faccio infatti parte del gruppo di lavoro che in UNI ha già lavorato sulla seconda e terza parte, e adesso sta lavorando sulla quarta parte! Nei prossimi paragrafi, approfondiamo la prima parte della norma posa serramenti UNI 11673-1.

 

Nel prossimi giorni, sempre qui su posaqualificata.it dedicherò due articoli all’approfondimento di UNI 11673-2 e UNI 11673-3. Ma andiamo con ordine.

Normativa posa in opera infissi: cosa dice la UNI 11673-1?

Una piccola precisazione. Si tratta di uno standard della posa dei serramenti, vale a dire una regolamentazione – non (ancora) obbligatoria – che finalmente definisce le linee guida da tenere in considerazione quando si progetta e si esegue la posa in opera dei serramenti. La norma UNI 11673-1 specifica inoltre anche con quali materiali deve essere realizzata la posa in opera.

 

Si può dire, quindi, che la posa in opera a regola d’arte non esiste più – o forse non è mai esistita! Proprio per questo è più corretto parlare di “posa conforme ai requisiti della norma UNI 11673-1”, a patto che però vi sia un progettista abilitato alla progettazione.

 

Normativa posa serramenti: UNI 11673-1 stabilisce i requisiti e i criteri di verifica della progettazione

 

La norma emanata il 2 marzo 2017 prende il nome di UNI 11673-1 perché è la prima parte di una serie di regolamentazioni in materia di posa in opera degli infissi.

In questa fase iniziale di definizione della normativa, il tavolo di lavoro ha attribuito maggiore attenzione a tre elementi fondamentali:

 

1. definizione degli standard della progettazione della posa in opera: le prestazioni certificate dal produttore del serramento devono essere mantenute dopo l’installazione dello stesso;

2. definizione delle caratteristiche e dei materiali di sigillatura e riempimento da utilizzare per eseguire la posa in opera;

3. modalità di risoluzione di situazioni critiche, ad esempio nel caso di sostituzione di serramenti esistenti.

 

Chi riguarda la norma posa serramenti UNI 11673-1

Per semplificare, oltre a riprendere quanto già riportato in UNI 10818, la norma UNI 11673-1 interessa tre figure professionali, che non possono fare a meno di conoscerne le linee-guida:

 

– Progettisti del nodo di posa, ovvero i professionisti che si occupano del progetto e della predisposizione di tutte le attività operative successive da attuare in cantiere;

– Produttori di serramenti, che devono adeguarsi alla nuova normativa e devono fornire istruzioni il più precise possibile per la posa in opera dei loro infissi;

– Posatori, cioè i professionisti che svolgono la fase operativa del lavoro e devono scegliere il materiale per posare in conformità, oltre a rispettare i tre livelli di posa.

Posa serramenti: norma UNI 11673-1 in pratica

 

Ma praticamente, che cosa si deve fare per applicare la normativa posa serramenti UNI 11673-1??

Come già accennato, la normativa UNI 11673-1 stabilisce che la posa in opera deve garantire le stesse prestazioni che il serramento ha in laboratorio.

L’infisso acquistato deve quindi garantire le prestazioni promesse e per le quali sono stati investiti dei soldi.

Perché questo accada, è necessario che la posa in opera sia conforme al serramento e che sia eseguita correttamente.

Ad esempio, nel caso di un serramento classe 3, viene richiesta come prova più gravosa una resistenza a 1800 Pa.

Il sistema di posa deve essere quindi strutturato sulla base delle prestazioni del serramento.

 

L’importanza del fissaggio meccanico del serramento

 

Il dato che viene indicato è fondamentale per due ragioni:

– Sicurezza;

– Durabilità della posa in opera.

Uno dei passaggi fondamentali della posa in opera è il fissaggio del serramento: se il serramento non è stabile, si verificano delle deformazioni importanti che vanno a inficiare la posa sui tre livelli. Prendi ad esempio un portoncino blindato. Se non viene fissato in modo corretto, ogni volta che lo apri o chiudi vedi il telaio che si muove.

Nel caso di un portoncino esterno, una situazione del genere finirebbe per esporti a infiltrazioni d’acqua, problemi di muffa e, in generale, a cattive prestazioni dello stesso.

Ecco perché è importante seguire le indicazioni contenute nella normativa posa serramenti 11673-1.

 

Il corretto fissaggio meccanico garantisce i prodotti utilizzati in fase di posa in opera

 

Se manca un corretto fissaggio alla muratura, ne risentono tutti i prodotti utilizzati in fase di posa in opera.

Un nastro potrebbe anche reggere e adattarsi alle deformazioni. Un sigillante siliconico no.

Una volta rotto, il sigillante non torna più come prima e lascia di conseguenza una fessura.

Il disagio che ti troverai ad affrontare può variare:

– Se la fessura è all’interno ti ritrovi con un problema di umidità che potrebbe anche danneggiare altri prodotti, come la schiuma utilizzata per il fissaggio;

– Se la fessura è esterna, allora ti troverai con acqua che passa, rumore che non viene correttamente filtrato, dispersione termica e altre criticità legate all’isolamento degli infissi.

 

Un posa in opera corretta garantisce durata al tuo serramento!

 

Dico sempre che il 75% di un risultato è dato proprio dalla posa in opera.

Non lo dico a caso, e la normativa UNI 11673-1 è la conferma che gli addetti ai lavori hanno maturato una certa consapevolezza in questo senso.

Anche la finestra migliore, con le migliori prestazioni che puoi trovare sul mercato – se posata in modo scorretto – finisce per darti problemi.

A risentirne è anche la durata nel tempo del tuo prodotto. Capita spesso di trovare lo stesso serramento montato da installatori diversi.

Uno è pieno di problemi, l’altro magari perfetto.

Il prodotto è lo stesso eppure la posa in opera ne ha determinato la durata nel tempo e le prestazioni.

 

Se stai cercando un posatore che rispetti le indicazioni della normativa posa in opera infissi UNI 11673-1, contattaci su posaqualificata.it.

 

Se dai preventivi in tuo possesso non ti è chiaro cosa stai acquistando, contattaci. 
Rispondiamo sempre in 24 ore. 

alberti-sfondato-bn