Archivio per Categoria Guida Scelta Serramenti

DiGuido Alberti

Prendi i soldi e scappa. Alle Iene, di nuovo una truffa sull’acquisto di finestre.

<< Cosa accomuna queste persone truffate e quale insegnamento puoi trarre, se come loro, devi acquistare le tue nuove finestre. >>

 

Ieri sera ero in dormi veglia sul divano mentre guardavo le Iene. Ad un certo punto sento la parola INFISSI.

Faccio un balzo e come per magia torno vigile…

Inizio a guardare il servizio e capisco subito che si tratta di un’altra truffa a scapito di poveri malcapitati.

Nel frattempo WhatsAPP inizia a vibrare e leggo messaggi del tipo:

<< Metti le iene >>

<< Guido metti il 6 >>

<< Ecco cosa succede quando vogliono risparmiare, stai vedendo le iene? >>

E potrei continuare ancora…

Insomma, tutti che vogliono avvisarmi del servizio in onda mandato dalla trasmissione “Le Iene”, in cui diverse persone sono state truffate da un Geometra che ha incassato gli acconti versati per l’acquisto di nuove finestre, ed è spartito. Dopo potrai guardarlo, trovi il link alla fine di questo articolo.

 

Per fartela breve, ciò che accomuna questi malcapitati è questo modo di procedere che si riassume in tre fasi :

 

– Chiedere preventivi di finestre tramite i soliti siti di preventivi on-line.

Ne esistono tanti e soprattutto negli ultimi mesi stanno aumentando sempre di più.  Nulla contro di loro, sia chiaro.

– Ricevere le offerte senza capisci nulla.

Si perché dopo aver inserito i dati, tra l’altro spesso molto “sommari”, inizi a ricevere i primi preventivi direttamente sulla tua casella di posta. Qualcuno più scrupoloso magari ti chiamerà, altri si limiteranno a inviarti un preventivo.

– Scegliere il prezzo più basso.

Banalmente, tra i tanti preventivi ricevuti, scegliere quello con il prezzo più basso.

 

Ora fin qui, nulla in contrario. Ognuno di noi è libero di spendere i propri soldi come meglio crede, sia chiaro.

I problemi però iniziano quando, colui che ha fatto il prezzo più basso, chiede uno o più acconti ai malcapitati.

Passano i giorni, in alcuni casi i mesi ma le finestre non arrivano. Le scuse sono le più disparate, ma delle finestre nemmeno l’ombra.

Sappiamo bene che in un Paese civile tutto questo non dovrebbe succedere. Ma purtroppo siamo anche a conoscenza che non è così. Anzi, non è neanche la prima volta che Le Iene manda in onda un servizio simile.

Quello che però voglio sia chiaro per te è che è il processo ad essere sbagliato, è per questo che mi preme darti dei consigli per evitare che tutto questo ri-accada e magari direttamente a te.

Ecco i miei consigli su cosa evitare:

1) Richiedere preventivi a un sito che “raccoglie” aziende qua e la, o almeno cerca di informarti su chi ci sia dall’altra parte.

In questi siti ci sono tante persone serie, ma anche tanti scappati di casa.

Non c’è il minimo controllo su chi ti invii l’offerta. Chiunque può iscriversi, e molte volte non deve nemmeno pagare.

Chi da questo servizio, incassa la commissione e se ne lava le mani.

2) Accontentarti di ricevere preventivi di cui sai poco quanto nulla.

Parliamoci chiaro, non hai le conoscenze per comprendere cosa ti stanno vendendo, anche perché i preventivi inviati sono sommari e poco chiari.

Il più delle volte quei preventivi sono pieni di sigle e tecnicismi che di certo non agevolano la comprensione.

L’unica cosa che capisci di quel preventivo è il prezzo finale, solitamente in basso a destra nell’ultima pagina.

3) Brutalmente, perdona la franchezza ma è così: limitarti a comprendere che devi “cacciare” dei soldi e  scegliere quindi quello che costa meno.

Non te ne sto facendo una colpa, sia chiaro. Per te sono tutte finestre, vero? E finestre per finestre, almeno spendi meno.

Il problema maggiore però non è in questa fase, ma in quella precedente: se non hai ben chiaro quali sono le tue esigenze, come puoi chiedere un preventivo?

Su cosa va a basarsi infatti il preventivo che chiederai? Sapere di preferire il PVC al legno/alluminio, e avere delle misure sommarie dei vecchi infissi, non basta infatti ad avere ben chiaro cosa sia meglio per te e per la tua casa.

Puoi chiedere un preventivo solo quando sai bene quello di cui hai bisogno e ti ritrovi in una di queste due situazioni:

  1. << Ho una o più esigenze e la soluzione che meglio risponde alle mie esigenze è questa. >> Bene, posso chiedere un preventivo.
  2.  << Ho questo problema da risolvere. Ho identificato con un consulente le soluzioni che meglio risolvono quel problema. >> Bene, posso chiedere un preventivo.

Una volta che hai ben chiaro questo, puoi procedere allo step successivo. Ma aspetta, non è finita qui.

Prima di dare i tuoi soldi a qualcuno, tanti o pochi che siano, prova almeno a capire chi c’è dall’altra parte!

Usa google, facebook o altri strumenti, che sono gratuiti e alla portata di tutti.

Se qualcuno non compare nelle ricerche, inizia a dubitare.

Se devi acquistare le tue nuove finestre e vuoi evitare gli “scappati di casa” , i truffatori o chi incasserà l’acconto e sparirà nel nulla, compila il form che trovi a questa pagina:

https://posaqualificata.it/diventacliente

Il tuo conto corrente nell’immediato non ne gioverà di sicuro, ma almeno avrai nuove finestre, che ti faranno risparmiare sulla bolletta, eliminando definitivamente spifferi e infiltrazioni, e ti faranno vivere in modo confortevole la tua casa.

Pensaci.

Ah, ecco il video del servizio delle Iene andato in onda Domenica 25 Marzo. Puoi guardarlo cliccando qui.

DiGuido Alberti

Ci risiamo: nuove finestre e problemi di spifferi e infiltrazioni

Se sei un committente e devi acquistare le tue nuove finestre, vuoi evitare problemi di spifferi e infiltrazioni, ma le promesse del venditore non ti hanno convinto abbastanza, fermati un attimo e leggi quest’articolo.

Ti racconto cosa è successo a Bruno qualche anno fa, e spero non accada anche a te.

Ovviamente il “tuo destino” è nelle tue mani, fai tesoro del mio racconto e agisci affinchè tu non sia il prossimo!

Siamo alle solite. Non passa giorno in cui non riceva e-mail simili:

” Ciao Guido ho fatto installare delle nuove finestre in PVC in sostituzione delle vecchie in legno. La posa è stata fatta asportando solo in parte il vecchio telaio in legno (circa il 50%) per non avere opere murarie. Ora però ho il problema degli spifferi. Quando soffia vento forte ci sono forti spifferi, in alcuni punti del telaio e per qualche finestra.

Chiaramente ne deduco che la posa non è stata fatta in modo accurato. Come posso risolvere ora? Sigillare gli spifferi con silicone e coprifili o smontare e rimontare le finestre inserendo un adeguato isolante fra vecchio e nuovo stipite?

In questo caso cosa usare? Silicone, schiuma o che altro?”

Questa è l’e-mail di Bruno che mi sono visto recapitare qualche settimana fa, prima di un webinar dedicato ai committenti.

Cos’è successo? La solita storia.

Bruno, come la maggior parte dei committenti che come te devono acquistare nuove finestre, si fida ciecamente del serramentista a cui si è rivolto. D’altronde, come dargli torto. Per chi non si occupa di porte e finestre quotidianamente, e magari non è a conoscenza di posaqualificata.it e del mio sistema, pensa che l’unico modo per NON avere problemi in futuro sia quello di fidarsi di qualcuno.

Purtroppo però l’esperienza ci insegna che il più delle volte:  << fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. >>. 

Prima però è giusto fare un passo indietro e metterti al corrente di quelli che sono i problemi in cui potresti incorrere, se come Bruno scegli di fidarti “a scatola chiusa” di un serramentista (o meglio, di un venditore di porte e finestre).

Contrariamente a quello che ti vogliono far credere, la finestra (intesa come prodotto non in opera) incide per meno del 25% sulla riuscita di un intervento. Come già ti dicevo in un altro articolo qualche giorno fa, la posa in opera da sola incede per più del 75%.

Questo vuol dire che tu puoi scegliere la finestra più performante in assoluto, ma se questa viene posata come nel caso di Bruno, serve davvero a poco. Avrai sempre problemi di infiltrazioni. Che sia aria o acqua, poco cambia. Il comfort della tua casa è compromesso. Hai speso dei soldi perché pensavi di ottenere dei risultati diversi, ma purtroppo devi ricrederti.

Se stai leggendo questo articolo, ritieniti fortunato. Già sapere a cosa puoi andare incontro, ti consente di fare una scelta più consapevole quando ti troverai difronte all’ennesimo serramentista fedele “all’abbiamo fatto sempre così”. 

Quindi, cosa fare? Tenerti il freddo? Assolutamente no. Delle nuove finestre dovrai pur comprarle!

Ti dettaglio brevemente quelle che sono le fasi più delicate, in modo che tu non abbia problemi in futuro.

1) Sopralluogo. Un lavoro fatto bene e con criterio, non può prescindere da un attento sopralluogo. Il “mi mandi le misure, poi le facciamo un preventivo” è una perdita di tempo.

Puoi richiedere un preventivo quando:

– Hai le idee ben chiare su quale prodotto scegliere; La scelta dev’essere fatta sulla base delle tue esigenze. Senza conoscerle, viene difficile.

– Chi dovrà farti il lavoro deve avere ben chiaro quale sarà l’intervento da fare. Senza fare un soprallugo, diventa difficile capire quale soluzione di posa meglio si adatta al tuo caso. E come ai letto sopra sai bene che la posa in opera è fondamentale.

<< Va bene Guido, ma tutto questo per avere un prezzo mi sembra davvero assurdo. >> Sono sicuro che lo starai pensando.

In effetti non posso darti torto, perché se il tuo obiettivo è quello di avere SOLO un prezzo, allora tutto questo è eccessivo. Ti basta andare su un qualsiasi sito di preventivi on-line e avrai il tuo prezzo; non c’è bisogno di sbattersi!

Se invece il tuo obiettivo è quello di spendere dei soldi e avere un lavoro qualificato, allora non c’è altro modo se non quello di procedere come ti ho descritto sopra.

2) Scelta e progettazione.  La tua nuova finestra dovrà essere scelta in base alle tue esigenze e la posa in opera dev’essere progettata. Proprio così, va progettata. Progettare la posa in opera vuol dire dettagliare tutti quelle che saranno le singole fasi che ti consentiranno di avere un lavoro qualificato, che si traduce: in assenza di spifferi. Se nel caso di Bruno ci fosse stato questo passaggio, magari non avrebbe avuto i problemi che mi ha descritto qualche giorno fa. La progettazione ha un costo, ma di sicuro costa molto meno rispetto ad una casa poco confortevole su cui è doveroso poi rimetterci mano per sistemare le finestre.

3) Esecuzione. Sai bene che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, come si suol dire. Proprio per questo, quanto progettato dev’essere necessariamente realizzato. Più la progettazione è attenta, meno sono i problemi che si avranno in fase di esecuzione dei lavori. Il più delle volte, infatti, i problemi sorgono proprio per questo motivo.

Non c’è progettazione e chi arriva in cantiere non sa come procedere, o se lo sa, magari incontra delle difficoltà che potevano essere risolte a monte con un’attenta progettazione, che però non c’è stata. Alla fine… risolve alla meno peggio!

Quindi, ricapitolando, ecco le tre fasi fondamentali: Sopralluogo – Progettazione – Esecuzione. 

Queste tre fasi rappresentano il mio SISTEMA. Infatti, senza un sopralluogo, non faccio nessun preventivo. Il motivo è semplice, quel preventivo non sarebbe veritiero e farei perdere del tempo ai miei clienti.

Vorresti mai un preventivo che non sia veritiero? Dubito. Proprio per questo sono solito fare una consulenza in cantiere vera e propria alle persone che si rivolgono alla mia azienda e vogliono il SISTEMA posaqualificata.

Ma torniamo a noi.

Di certo, trovare un serramentista disposto a tutto questo non ti consentirà di dormire su sette cuscini, ma di sicuro sarà indice di maggiore tranquillità rispetto a quanti ignorano completamente tutto questo.

Cosa manca, infatti, per stare tranquillo al 100%? Te nei parlo nei punti 4 e 5.

4) Garanzia. E per garanzia non intendo i due anni di legge tradizionali. La garanzia non deve essere solo sul prodotto, come tutti sono abituati a pensare, ma deve essere anche e soprattutto sulla Posa in Opera. Se un serramentista non è disposto a darti nessuna garanzia sulla posa, mettendola nero su bianco, allora inizia a dubitare. Se è così sicuro di quello che dice, perché non lo fa?

Pensaci, ma ricorda: quando non ti parlano di garanzia sulla posa in opera, fai molta attenzione!

5) Assistenza. Chi ti racconta che le sue finestre sono eterne, ancora una volta ti racconta bugie. Le finestre, come tutti i prodotti, richiedono manutenzione, altrimenti la durata nel tempo è fortemente compromessa. Tieni presente che quanto più è posata in modo qualificato, tanto più “lunga” è la sua durata nel tempo. Il più delle volte, infatti, i problemi sono causati proprio da una posa in opera non qualificata che non fa “lavorare” in modo corretto la finestra.

Ecco perché è sempre bene richiedere un servizio di manutenzione in abbonamento. Di sicuro ha un costo, ma stai pure tranquillo che costerà molto meno di risolvere problemi ben più gravi in futuro.

Ancora una volta  chi vuole solo proporti una finestra, raccontandoti la storiella che la sua è la migliore finestra al mondo e si limita solo a darti un prezzo, non lo fa di certo per agevolarti!

Ricapitolando, ecco le 3 fasi fondamentali: Sopralluogo – Progettazione – Esecuzione.

Senza dimenticare: Garanzia e Assistenza. 

Con il SISTEMA posaqualificata tutto questo è normalità. So che in un mondo ideale dobrebbe essere così anche altrove, ma leggendo le e-mail che ricevo quotidianamente, posso garantirti che non è affatto scontato.

Prima di cedere alle promesse del venditore, ricorda questo articolo.

Se vuoi saperne di più sul SISTEMA posaqualificata, compila pure il form che trovi a questa pagina https://www.posaqualificata.it/per-chi/servizi-per-il-committente/.

 

 

Al prossimo articolo.

DiGuido Alberti

Il preventivo perfetto per le tue nuove finestre

Ripensa al preventivo che ti è stato appena consegnato: prima di firmare, quali sono le voci importanti che non devono mancare?

Qualche giorno fa, durante un webinar di approfondimento dedicato a soli committenti che, come te, cercano informazioni per evitare problemi futuri con le loro nuove finestre, tra le tante domande ricevute, un paio hanno suscitato molto interesse.

Una delle due era proprio questa, posta da Marco:

<< Quali voci dovrebbe contenere l’offerta prima di essere accettata? >>

Forse te lo sei chiesto anche tu. Probabilmente stai per acquistare le tue nuove finestre e magari sei ancora in tempo per fare una scelta consapevole che può evitarti problemi futuri. O forse le hai già acquistate e… stai leggendo questi articoli perché purtroppo hai già riscontrato problemi. O perchè no, sei indeciso, devi ancora iniziare i lavori e il mio blog per te è “oro colato”.

In ogni caso sono sicuro che troverai questo articolo molto interessante e ricco di spunti.

Partiamo!

Nelle ultime settimane ho parlato tanto della “Consulenza”, di come questa si svolge direttamente a casa tua, oltre che del REPORT che ne consegue, in modo piuttosto approfondito.

Sempre nelle ultime settimane ti ho raccontato come chiedere un preventivo senza sapere nulla su “Porte e Finestre” sia l’errore più grave che tu possa commettere. Se non hai letto questi articoli, t’invito a farlo quanto prima. Sono molto importanti per te che devi acquistare le tue nuove finestre.

Ma adesso torniamo a quest’articolo, e a quali sono le voci indispensabili che un’offerta deve assolutamente contenere prima di essere accettata.

Non entro nel merito delle “Condizioni Contrattuali” che sarebbe buona norma firmare e che solitamente vengono proposte direttamente dal venditore. Ma non è su queste che voglio soffermarmi perché variano da ciascun venditore e risulterei vago e sommario parlandone in un breve articolo.

Tornando a noi, nella maggior parte dei casi, l’accettazione dell’offerta coincide con la firma da ambo le parti del preventivo che, si spera, dettagli:

  • Caratteristiche delle nuove finestre;
    Quelle sigle e quei paroloni che il più delle volte ti rifiuti di leggere, perché incomprensibili.
  • Quantità e tipologie di apertura;
    Se sei fortunato questa parte è composta da: un disegno, dimensioni e tipo di apertura (battente, ribalta, ecc, ecc)
  • Voce “Posa in Opera”;
    Il più delle volte il tutto si riduce a “Montaggio Finestre”.
  • Prezzo Complessivo;
    Imponibile, quindi senza IVA, o al pubblico, quindi ivato.

So che l’unica cosa che ti è chiara è proprio il prezzo, ma non te ne faccio una colpa. Non è infatti colpa tua se non ti occupi di porte e finestre ma fai altro nella vita. Piuttosto la colpa è di noi tecnici o venditori che non riusciamo a rendere comprensibili – ai non addetti ai lavori – termini e tecnicismi propri del nostro mestiere.

Ma quali le voci che, solitamente, leggi in calce al preventivo? Eccole:

  • Trasporto: Solitamente Incluso;
  • Tempi di consegna;
  • Modalità di Pagamento.

Fin qua nulla di strano, ma ti pongo una domanda: cos’è che stai acquistando? Delle finestre, ovviamente, risponderai.

Bene, ora se le finestre fossero dei soprammobili, basterebbe quanto scritto fin’ora, si tratterebbe di un oggetto come un altro e il preventivo così fatto sarebbe più che sufficiente.

Peccato però che le finestre, oltre ad essere vendute, vanno anche posate!

Se hai avuto modo di leggere qualche articolo su posaqualificata, avrai capito che, in un intervento di sostituzione o di installazione delle nuove finestre, ciò che conta di più è proprio la posa in opera.

Magari non te l’hai mai detto nessuno dei serramentisti che hai incontrato prima di leggere quest’articolo, e sai perché?
Perché hai parlato con dei venditori e non con dei consulenti.

Ti sembrerà strano, infondo siamo sempre stati abituati a parlare con dei venditori prima di acquistare e solo in rari casi con dei consulenti-tecnici. Le finestre però, non sono un prodotto semplice, tutt’altro.

Ancora una volta, se fossero dei soprammobili potresti parlare direttamente con i venditori, ma siccome vanno posate, devi necessariamente avere a che fare con un consulente vero e proprio.

Sapevi che tre persone su quattro ignorano completamente l’importanza della posa in opera, e quando se ne rendono conto ormai è troppo tardi?

 

La posa in opera da sola incide per più del 75% sulla riuscita di un intervento!

Più del 75%, ma nel preventivo si parla di posa in opera con un rigo e tre parole.

 

Non trovi che c’è qualcosa di strano? Più del 75% d’importanza e meno dell’1% di spazio dedicato alla posa sul preventivo, proprio quel preventivo che stai firmando e che diventa a tutti gli effetti contratto di vendita!

Adesso capisci il perché dei dubbi di Marco? Dopo essersi letto i miei articoli e dopo aver richiesto qualche preventivo ad altri serramentisti, si è subito reso conto che qualcosa non tornava.

Ma nello specifico, oltre a quelle tre parole, cosa dovrebbe contenere un’offerta prima di essere accettata? Ti riporto il mio caso e quello che sono solito consegnare ai miei clienti.

Sappi però che, come da nostro SISTEMA posaqualificata, non sono solito fare un preventivo, ma un vero e proprio “Piano dei Lavori”. Il “Piano dei Lavori” non è il classico preventivo di tre paginette, se tutto va bene. Il “Piano dei Lavori” è composta da circa 20 – 30 pagine, in cui riporto tutti quelli che sono i problemi più frequenti, di cui si è discusso in fase di consulenza, e delle risoluzioni da me consigliate. È una vera e propria guida con tutti gli errori da evitare.

Infine, sempre nel Piano dei Lavori, elenco tutti quelli che sono i documenti che saranno consegnati al cliente una volta che deciderà di affidarsi a me, e nello specifico:

Garanzia. A differenza degli altri che si limitano ai due anni di garanzia, noi siamo talmente sicuri del nostro SISTEMA che siamo andati ben oltre. Offriamo una garanzia che va ben oltre i limiti di legge, e che copre, per 10 anni eventuali problemi di posa in opera a noi imputabili. Si, 10 anni!

Capitolato Esecutivo. Saranno dettagliati tutti i materiali di posa.

Disegni Esecutivi. Unitamente al capitolato fornitamo tutti i disegni con i dettagli esecutivi.

Elenco delle lavorazioni STEP by STEP. In questo modo il cliente sarà sempre aggiornato su quelle che sono le fasi di cantiere e le tempistiche.

Come vedi tutto questo è ben diverso dall’accettare un’offerta che il più delle volte è un preventivo con doppia firma. Tutto questo fa parte del nostro SISTEMA e viene dettagliato già all’interno del nostro “Piano dei Lavori”.

Il “Piano dei Lavori” viene redatto dopo la consulenza, come ti accennavo, con relativo REPORT e dunque è sempre personalizzato sulla base delle richieste, esigenze e problematiche del cliente.

Sei ancora convinto che firmare un preventivo di tre pagine, ti metta nelle condizioni di stare tranquillo? E se qualcosa dovesse andare storto? Ricorda: << Verba volant, scripta manent >>.

Se vuoi scoprire come diventare mio cliente, non devi fare altro che compilare il form che trovi a questa pagina: https://www.posaqualificata.it/per-chi/servizi-per-il-committente/

 

Al prossimo articolo!

DiGuido Alberti

La consulenza in cantiere per le tue nuove finestre e il REPORT

Immagina di vivere questa scena.

Devi acquistare le tue nuove finestre. Inizi a richiedere i primi preventivi, ma ti rendi conto che dietro un’apparente disponibilità nessuno si preoccupa di chiederti quali sono le tue esigenze reali che ti spingono a fare questo acquisto.

Giri un pò di rivendite e show-room, ma ogni volta la stessa scena.

  • Tutti che vogliono venderti qualcosa a tutti i costi, ma nessuno è disposto ad aiutarti sul serio valutando prima le tue necessità.
  • Tutti che ti raccontano che la loro finestra è la migliore, ma nessuno che ti chiede perché vuoi acquistare proprio quella finestra, in quel materiale e con quelle caratteristiche.
  • Tutti che ti inviano un preventivo tramite e-mail, ma nessuno che ti chiede come mai gli stai chiedendo proprio quel preventivo, esigendo ogni dettaglio.
  • Tutti che ti chiedono di inviargli le misure, ma nessuno che viene a capire qual’è la situazione in cantiere.

Converrai con me che questa non è fantascienza, ma ahimè, la situazione reale in cui molti committenti come te si trovano.

Ovunque venditori bravi a proporti solo un prodotto, tralasciando però un aspetto cruciale: la posa in opera.

< Ma lo sai che solo la posa in opera incide per più del 75% sulla riuscita dell’intervento?>

Le finestre non sono soprammobili, e non possono prescindere dalla posa in opera. Se tu volessi acquistare delle finestre e posarle alla meno buona, andresti in un Brico e le prenderesti nel reparto “Porte e Finestre”, non in uno Show-room di porte e finestre, dove c’è chi non fa che decantarti “qualità-garanzia-resistenza”.

Non è il massimo, non trovi?

Purtroppo è così che funziona: tutti che vogliono venderti una finestra, caso mai quella che fa più comodo a loro, e nessuno che vuole realmente capire di cosa hai bisogno e in che modo, quella finestra, può esserti d’aiuto.

E’ per questo che sei costretto allora a visitare diversi Show-room, ma alla fine, ti sembrano tutti uguali.

L’unica cosa che distingui è il colore degli infissi, magari qualche accessorio, ma per il resto ogni negozio la copia dell’altro.

E poi sembra che i rivenditori siano tutti stati istruiti dallo stesso “copione”: tu entri in show-room, chiedi qualche informazione ed ecco che parte la solita propaganda.

“Finestra bellissima, super performante, 3 guarnizioni, vetro stratificato, trasmittanza termica a norma, protezione solare, potere fonoisolante… bla bla bla…”

Dopo la solita pappardella e il rituale giro di ogni infisso presente in show-room,  vieni fatto accomodare e dall’altra parte trovi qualcuno che si limita a inserire i tuoi dati in un software e dopo pochi minuti ti stampa un foglio con sigle incomprensibili,  tecnicismi e se va bene qualche disegnino di finestre qua e là.

L’unica cosa che riesci a decifrare, è la cifra in basso a destra, generalmente nell’ultima pagina (quella del prezzo), oltre al tuo nome e cognome in alto a destra.

Torni a casa, riprendi gli altri preventivi e ti accorgi che a cambiare è solo il logo in alto e magari il prezzo finale.

Provi anche a rileggerli sperando di capirci qualcosa, ma l’unica cosa che ricordi di ogni show-room visitato e dei preventivi consegnati,  è al massimo il nome del venditore, il sapore del buon caffè  offerto e l’estetica della finestra sulla quale magari ti sei soffermato di più.

E il resto? Di tutte quelle belle parole spese, dei valori prestazionali, degli optional da aggiungere cosa ricordi?

Nulla… allora mortificato decidi di capirci qualcosa googlando, o fissi un appuntamento nell’ennesimo show-room sperando sia l’ultimo.

Ho forse un pò esasperato il racconto, ma non trovi assurdo tutto questo?

Se questi sono i risultati del tuo “vagare” per show-room, per avere un preventivo così fatto non bastava andare su uno dei tanti siti web che offrono questo servizio, rimanendo comodamente seduto sul tuo divano?

Perché complicarsi la vita?

Adesso, invece, immagina quest’altra scena.

Devi acquistare le tue nuove finestre. Prima di richiedere preventivi e perdere tempo inutilmente, decidi di documentarti e saperne di più. Accedi ad internet e dopo aver smanettato un pò con il tuo tablet trovi informazioni utili e che tra l’altro reputi di valore.

Ma presto un dubbio ti attanaglia: e se dall’altra parte dello schermo qualcuno ha inserito informazioni false?

Effettivamente questo non è il tuo mestiere, e per quanto tu possa informarti, non sarai mai nelle condizioni di capire come adattare tutto al tuo caso.

Non è detto infatti che leggere che un triplo vetro è più performante di un doppio, equivalga ad asserire che è proprio il triplo vetro la soluzione adatta a te.

Un pò come provare a fare il medico leggendo qualcosa qua e là sul web, potrai capire sicuramente che l’aspirina serve a farti passare il raffreddore, ma se sei allergico? E se oltre al raffreddore hai anche la febbre e dolore ai reni? Sei proprio sicuro possa andare bene?

Non credo ti limiteresti ad assumere una pasticca sulla base di poche informazioni scovate qua e là, ma a meno che tu non ci tenga particolarmente alla tua salute, chiameresti il medico o il tuo farmacista di fiducia.

E se ci fosse una persona esperta disposta ad aiutarti anche nel caso delle tue nuove finestre?

Immagina di avere la possibilità di ricevere un consulente a casa tua che non si  limiterà a “vomitarti” addosso tutta l’enciclopedia del serramento.

Al contrario, immagina, che questa persona è in grado di ascoltare, ma soprattutto è nelle condizioni di farti domande mirate, proprio come uno specialista.

Questa persona, inoltre, non si limita ad ascoltarti passivamente, ma anzi, prende nota e si appunta ogni tua frase, proprio come fa il medico quando ti rivolgi a lui per un problema di salute.

Solo dopo aver ascoltato le tue esigenze, senza ancora aver nominato nessun prodotto, questo specialista del serramento è in grado di capire la soluzione di posa in opera migliore per te.

Immagina perchè puoi, i professionisti delle “finestre” ci sono eccome, vanno solo trovati!

Ricordi cosa ti ho detto qualche rigo più sopra?  La posa in opera da sola incide per più del 75% sulla riuscita di un intervento. Sai perché?

Perché a nulla serve una finestra molto performante se posata male.

Immagina una Ferrari, rosso fiammante e dal motore a 8 cilindri, ipotizza però di equipaggiarla con pneumatici in legno. Riuscirebbe a scaricare tutta la sua potenza su strada? Dubito! Ecco la stessa cosa succede quando una finestra performante viene posata in malo modo: tutti benefici di una finestra che isola bene dal freddo e dai rumori, sono inevitabilmente compromessi da una non corretta posa in opera.

Soprattutto quando si parla poi di interventi di sostituzione delle vecchie finestre, questa fase è fondamentale. Nel caso invece di nuova costruzione si può tranquillamente ovviare, ragionando però sul progetto di posa in opera. Quindi, ancora una volta, questa è una fase da non sottovalutare!

Quanto sarebbe importante per te avere le idee chiare ed essere consapevole di aver fatto la scelta giusta? Stai “investendo” qualche migliaio d’euro almeno, mica spiccioli…

Che sia la tua seconda casa, o una casa da affittare, cambia poco. Stai spendendo dei soldi, e tutti i nodi prima o poi verranno al pettine!

Immagina inoltre al vantaggio di ricevere dopo l’appuntamento con il consulente degli infissi anche un REPORT in cui c’è tutto il riepilogo delle tue esigenze e della soluzione che meglio risponde alle tue necessità, quanto lo apprezzeresti? Considera il REPORT come una vera e propria prescrizione medica, con cui potrai rivolgerti a “qualsiasi” farmacia ed evitare problemi in futuro. Non sarebbe fantastico? A fronte di un bell’investimento da fare, una certezza scritta che ti guida a non sbagliare!

So che tutto questo può sembrarti strano, infondo nessuno ti ha mai parlato di una soluzione del genere, anzi se hai visitato qualche serramentista hai ben capito che il loro approccio è orientato solo ed esclusivamente a venderti qualcosa a tutti i costi.

Bene, sei capitato nel posto giusto, oggi hai infatti la possibilità di avere tutto questo. Quello che ti ho appena descritto non è utopia, ma il mio Sistema di Lavoro che applico da un pò di tempo nella mia azienda. Fantastico, vero?

Ecco le fasi che in breve riassumono il mio sistema:

  • Ci contatti;
  • Ti illustriamo il nostro Sistema UNICO, ovvero il nostro modo di lavorare;
  • Ti parliamo della possibilità di avere una nostra consulenza;
  • A questo punto hai la possibilità di continuare e procedere con la CONSULENZA, o fermarti;
  • La consulenza è a casa tua. Ci prendiamo tutto il tempo necessario e risponderò, personalmente, ad ogni tuo dubbio;
  • Dopo la consulenza, riceverai un REPORT, in cui ogni passaggio sarà dettagliato.

Quali saranno i vantaggi per te? Eccoli elencati:

  • Con quel REPORT sarai libero di andare ovunque tu vorrai;
  • Avrai maggiore consapevolezza su quelle che sono le fasi importanti del lavoro, e imparerai anche a distinguere il collega furbetto che non ti dice tutto come dovrebbe;
  • Capirai, inoltre, quali sono le tue esigenze reali, e quale soluzione le soddisfa meglio;
  • Avrai ben chiaro quale sarà il prodotto che risponderà alle tue richiesta;
  • Avrai, in modo dettagliato, tutte le fasi dei lavori i posa in opera da fare.

Consulenza Posa SerramentiIl tutto, racchiuso in un comodo REPORT di 30 pagine.

Non è quello che hai sempre cercato ma che nessuno, fino ad ora ti ha mai proposto?

Negli anni ho fatto tante consulenze a committenti come te e ho capito quali sono le problematiche più ricorrrenti nella fase d’acquisto. Da queste è nato il mio SISTEMA, e oggi sono nelle condizioni di condividerlo con te!

 

Se vuoi saperne di più, non dovrai fare altro che compilare il form che trovi a questa pagina.

Prima però è giusto che tu sappia che la consulenza non è gratuita ma a pagamento.

Quanto? Molto meno rispetto a quanto potrebbe costarti commettere degli errori in questa fase.

 

Prenota subito la tua consulenza, e compila il form che trovi a questa pagina.

 

 

Al prossimo articolo!

 

 

 

DiGuido Alberti

Perché, se devi acquistare le tue finestre, richiedere un preventivo è l’errore più grande che tu possa fare?

Messaggio rivolto a te che sei un committente interessato ad acquistare le tue nuove finestre.

Perché, se devi acquistare le tue finestre, richiedere un preventivo è l’errore più grande che tu possa fare?

Il vecchio preventivo non va bene, e in questo articolo scoprirai il motivo.

Nel nostro settore, ogni committente che deve acquistare le nuove finestre, è solito operare in questo modo, correggimi se sbaglio, eh!

Cosa fa infatti un committente quando deve comprare delle nuove finestre?

Ci sono due modi di approcciarsi all’acquisto, e sono sicuro che ti riconoscerai in uno di questi.

– Quello tradizionalista: chiede ad amici e parenti informazioni su chi si sono rivolti e cerca referenze al riguardo. La domanda tipica è: “Come ti sei trovato comprando da Pinco Pallo?”
D’altronde il suo obiettivo è non avere problemi, ma soprattutto tenersi alla larga dalle fregature!

Chiedendo a chi ci è passato prima è un buon modo per stare tranquilli.

– Approccio non convenzionale: il committente non si accontenta della “pappa pronta”, ma vuol saperne di più.
Prima di informarsi da chi comprare le sue nuove finestre, cerca di capire quali differenze ci sono e quali sono le soluzioni che meglio si prestano a risolvere il suo problema.

E’ un approccio corretto questo, ma ha un limite: il committente ha timore di chiedere informazioni in questa fase, perché tanto molti non capirebbero il suo voler essere “diverso”, o meglio il suo non accontentarsi di un semplice preventivo.

Infondo deve comprare delle finestre e non una navicella spaziale!

In questo caso, l’unica possibilità che ha per documentarsi è il web.

E se ti identifichi in quest’immagine di cliente è facile che stai leggendo quest’articolo proprio per questo motivo.

Ammettiamo che sia questo il tuo caso.

Cosa fai allora?

Decidi di documentarti sul web, ma trovi solo informazioni e pareri contrastanti. Non riesci ad avere un’idea ben chiara di quelle

che saranno le scelte che dovrai fare e, dopo qualche giorno di ricerche nei momenti di pausa tra una cosa e l’altra, decidi che forse è arrivato il momento di chiedere qualche preventivo, e sperare che qualcuno possa aiutarti.

Escludo, a questo punto, la prima opzione, quella dei parenti ed amici perché non vuoi farti condizionare.

Bene, decidi, prima di metterti in macchina e iniziare il giro degli showroom, di inviare qualche e-mail, ma scopri che buona parte delle persone che interpelli, ignora completamente la tua richiesta. Non ricevi nessuna risposta e se ti va bene un elenco incomprensibile di sigle con un prezzo finale.

Seccato allo capisci che l’unica soluzione che hai, è quella di metterti in macchina e andare di persona in qualche show-room.

Peccato che, dopo averne visitati più di qualcuno, ti rendi conto che sono tutti molto simili.

Entri, ti fanno accomodare e iniziano a dirti che il loro prodotto è il migliore. Fin qui nulla di strano, se non fosse che nessuno di questi ti chiederà nulla riguardo le tue esigenze o problematiche che hai a casa con i tuoi vecchi infissi, anzi, sarai tu a dover fare loro delle domande per saperne di più.
Alla fine del giro ti trovi, quindi, con qualche preventivo in più ma con ancora tanta confusione in testa.

Ti chiederai cos’è meglio per te e quale finestra risponde meglio alle tue esigenze. Peccato che nessuno te l’abbia detto! In compenso però, hai più di qualche preventivo, ma sfogliandoli capisci che alla fine lì c’è solo un prezzo.

Non si capisce nulla… Sigle tecniche, e formule spesso incomprensibili. L’unica cosa che riesci a decifrare è quel numeretto in basso a destra, generalmente posizionato nell’ultima pagina.

Sei bloccato. Non sai a chi rivolgerti, ma il tempo corre e devi decidere.

Alla fine decidi di fare una media tra il più caro e quello più basso.

<< In medio stat virtus >> dicevano i latini.

Finalmente hai trovato da chi comprerai le tue nuove finestre.

Alleluja, Alleluja! Ma, poco dopo scoprirai, per caso, che hai commesso un errore madornale.

Perché? Telo spiego subito: stai sottovalutando l’aspetto più importante di un lavoro, che da solo incide per un buon 75% sulla riuscita dell’intervento: la posa in opera!

Il serramentista che avevi scelto è stato al riguardo vago. Il fatto che ripeta più e più volte che non devi preoccuparti e che si è fatto sempre così, non è un buon segnale.

Per fortuna ti insospettisci inizi a cercare su google. All’improvviso la manna dal cielo: trovi posaqualificata.it e capisci che avresti fatto un errore non da poco affidando i lavori a quel serramentista che voleva rifilarti il controtelaio metallico e che, per i davanzali, continuava a ripeterti che “unico è meglio e non entra acqua!”.

Ma per fortuna sei arrivato su posaqualificata.it e sei salvo!

Fiuuu!

Bene ti è adesso più chiaro perché chiedere un preventivo è l’errore più grosso che tu possa fare?

Ti dico questo perché puoi chiedere un preventivo, solo quando sei certo di quello di cui hai bisogno.

Ecco perché, prima del preventivo è fondamentale un’altra fase: quella della consulenza.

Solo quando hai ben chiaro qual è la soluzione al tuo problema, e quale sistema risponde meglio alle tue esigenze, puoi richiedere un preventivo.

Quando ti parlo di soluzione, mi riferisco anche e soprattutto alla posa in opera, che da sola incide per un buon 75% della riuscita dell’intervento.

Ora, per quanto tu possa documentarti, difficilmente riuscirai nel breve periodo ad entrare così nello specifico per capire da solo come muoverti e dopo trasmetterlo al serramentista di turno.

Ti faccio un esempio molto semplice ma efficace.

Quando hai un problema ad un ginocchio, cosa fai? Vai dallo specialista, oppure ti iscrivi all’università, prendi una laurea in medicina, con tanto di specializzazione, e dopo 10 anni, provi a curarti da solo? Lo dubito fortemente!

Non vedo motivo per cui, nel caso di serramenti, non dovrebbe essere così.

 

Consulenza Scelta FinestreUna consulenza, a differenza del preventivo, parte dalle tue esigenze e dalla situazione specifica del tuo “cantiere” o della tua casa nel caso di sostituzione.

Una consulenza è frutto di un’analisi, spesso fatta anche con strumentazione specifica, soprattutto nel caso di ristrutturazione o sostituzione, per evidenziare e risolvere problematiche specifiche.

Solo dopo, sei nelle condizioni di richiedere un preventivo.

Puoi chiedere un preventivo quando sai cosa farti preventivare, e non prima.

 

Ecco perché andare a spasso per show-room con le dimensioni orientative e quantità, a mo ‘di lista della spesa, non è la soluzione.

Ti dico questo perché è da anni che mi occupo di finestre e posa in opera, seguendo spesso dei committenti che come te vogliono saperne di più, e vogliono avere la sicurezza di non commettere errori.

Il più delle volte infatti, ci si accorge dei propri errori solo quando è troppo tardi.

Capisci che non ti sei rivolto a dei professionisti quando ciò che acquisti non risponde alle tue esigenze, e come se non bastasse, si presentano problematiche di vario tipo: come la comparsa di infiltrazioni, vento e pioggia.

Alla presenza di ponti termici non risolti poi, e soprattutto nel periodo invernale, i problemi di condensazione superficiale alla lunga possono generare muffa.

E la muffa per la tua salute e quella della tua famiglia è dannosa!

Stai facendo un acquisto importante, perché non farlo nel miglior modo possibile?

Se vuoi saperne di più sulla consulenza, compila pure il form che trovi a questa pagina:

https://www.posaqualificata.it/per-chi/servizi-per-il-committente/

Nei prossimi articoli ti racconterò meglio, e nello specifico, in cosa consiste la consulenza posaqualificata.it e il Report che riceverai al seguito.

Una cosa è certa: da oggi sei a conoscenza che esiste un modo diverso per operare.

 

Buon lavoro!

Loading...