Cosa vuoi che sia un ponte termico

DiGuido Alberti

Cosa vuoi che sia un ponte termico

Non puoi immaginare quante volte mi senta dire questa frase!

In fase di progettazione, spesso e volentieri porto l’attenzione di chi mi sta di fronte sulla corretta risoluzione di alcuni ponti termici.

Il più delle volte mi sento dire, che tanto, un ponte termico non ha poi tutta questa importanza; cosa vuoi che sia… non succede nulla!

Cerco sempre, e in tutti i modi, di far cambiare idea a chi mi sta di fronte, ma mi rendo conto che non è semplice, e che spesso i miei sforzi sono vani.

Ma qualche giorno fa, l’illuminazione!

Mentre guardavo delle slide preparate da me per un corso di formazione, mi ritrovo di fronte la soluzione.

Mi ri-compare una slide, di qualche anno fa, in cui quantificavo, appunto, l’incidenza di un ponte termico su un serramento.

Mi si accende una lampadina!

Decido di farne un report; adesso tutto è sicuramente più semplice farlo capire!

Il cliente può quantificare finalmente quanto ‘costa’ un ponte termico.

Ma facciamo un passo indietro, e cerchiamo di capire cos’è un ponte termico.

Il termine ponte termico determina una variazione di temperatura superficiale, che determina una maggiore dispersione di calore!

Per intenderci un ponte termico può essere un davanzale passante, che di fatto fa si che ci sia “trasmissione” con l’esterno; Può essere un aggetto,  o semplicemente il controtelaio metallico su cui è stato posato il tuo serramento.

Bene, chiarito in breve questo concetto torniamo al quesito iniziale: quanto costa un ponte termico non risolto?

Cerchiamo di quantificarlo.

Piccola premessa: non aspettarti cifre, in quanto il costo economico non è l’unico aspetto ‘negativo’ di un ponte termico.

C’è un alto costo, difficilmente quantificabile economicamente da tenere in considerazione, anzi per essere precisi ne sono due:

Comfort e Salubrità

 

Il comfort è qualcosa di oggettivo, difficilmente quantificabile, me ne rendo conto.

Se ti chiedessi cos’è per te il comfort, avrei risposte diverse e spesso non quantificabili.

Eppure, se chiedessi a ognuno di voi di dirmi cosa si prova nello stare in una casa poco isolata, fredda e umida d’inverno, sono sicuro che la prima reazione che susciterei in tutti indistintamente, sarebbero dei brividi lungo tutto il corpo!

Senza dilungarmi molto sui criteri di comfort, sicuramente potrei dirti che il comfort è quella sezione completamente opposta e diversa che si prova quando si vive in condizioni poco confortevoli!

Una casa è confortevole quanto più le temperature sono omogenee. Se avrò temperature simili tra le diverse superfici, pavimento, pareti, copertura e serramenti, potrò dire di trovarmi in un ambiente confortevole.

E’ una bella sensazione non avvertire freddo e disagio passare vicino ad un serramento mentre magari fuori nevica?

Se al contrario avrò temperature differenti tra le diverse superfici, non potrò dire lo stesso.

Se ho dei ponti termici, che inevitabilmente riducono le temperature superficiali, non mi troverò in un ambiente confortevole.

Un ponte termico, causa un notevole discomfort. Un ponte termico causa disagio.

 

La salubrità invece è qualcosa di più facilmente quantificabile. Un ambiente è salubre se sono soddisfatti determinati parametri!

Se all’interno di un ambiente ho condensazione superficiale, o fenomeni di muffa, non potrò dire di trovarmi un un ambiente salubre!

Controtelaio metallico muffa sistema finestra

Cosa determina la formazione di condensa superficiale e/o muffe?
La presenza di parti dell’involucro a temperature più basse.

Le parti dell’involucro a temperature più basse sono proprio i ponti termici non risolti!

Un ponte termico determina un abbassamento della temperatura superficiale.

1
Un ponte termico causa condensazione superficiale.
1
Un ponte termico causa muffa.

Evitiamo il controtelaio metallico, ponte termico per eccellenza?

Evitiamo il davanzale passante, altro ponte termico?

Se la tua risposta è ancora “Cosa vuoi che sia un ponte termico!” sappi che un ponte termico non è null’altro se non discomfort e scarsa salubrità!

Vivresti in una casa poco confortevole? Dubito.

Come non posare un serramento
Eppure, spesso e volentieri, quando sono chiamato da lettori del blog che hanno speso dei soldi per delle nuove finestre, il più delle volte mi trovo di fronte a situazioni simili!

Cosa vuoi che sia un ponte termicoLasceresti crescere tuo figlio nella sua cameretta con il baffo nero della muffa intorno alla finestra? Dubito.

Eppure non ti preoccupi minimamente dei giunti di posa!

Scegli il serramento, e poi quello che succede succede!

Per fortuna la fisica non sbaglia, e i risultati sono quelli che vedi nell’immagine qui a sinistra!

 

 

Sei ancora convinto che un ponte termico non risolto non sia nulla di preoccupante?

Info sull'autore

Guido Alberti administrator

Serramentista 2.0: Esperto CasaClima, Consulente e Artigiano Certificato Passiv Haus, Tecnico Esperto Finestra CasaClima, figura accreditata dall’Agenzia CasaClima in grado di fornire consulenza a produttori di serramenti, progettisti e committenti.

    Commenta

    Ho letto e accetto la privacy policy

    Loading...