ECCO COME TI GUIDIAMO NELLA SCELTA DEI TUOI NUOVI SERRAMENTI

In qualunque luogo tu sia, il metodo posaqualificata.it ti aiuta a scegliere i tuoi nuovi serramenti con garanzia di risultato, senza errori e senza spreco di tempo e denaro.

ECCO COME TI AIUTIAMO A OTTENERE IL 110% PER I TUOI LAVORI

Siamo partner di detrazionifacili.it, gli specialisti della cessione del credito e delle detrazioni per la casa. Con la giusta squadra di professionisti, ottieni subito il Superbonus che ti spetta e sei al sicuro sia dal punto di vista fiscale che tecnico.

Isolamento termico casa: gli errori da evitare con cappotto e infissi

Isolamento termico casa: quali accortezze avere quando occorre fare una posa degli infissi con cappotto termico?

In questo articolo affrontiamo un tema caldo (letteralmente!): l’installazione degli infissi in presenza di un sistema a cappotto.

Immagina il cappotto termico come una coperta calda che avvolge la casa, per avere ambienti confortevoli tutto l’anno con il minimo consumo di energia per riscaldarli o raffrescarli. E gli infissi come le cuciture di questa coperta.

Con un’immagine del genere davanti agli occhi, è facile intuire che se gli infissi non vengono posizionati correttamente, tutto il lavoro e i soldi investiti nell’isolamento termico della casa, per creare un involucro edilizio ad alte prestazioni, potrebbero andare sprecati.

E non vuoi che succeda proprio a te, vero?

Allora continua a leggere, troverai consigli preziosi per ottenere il massimo isolamento termico della casa, creando la perfetta connessione tra involucro opaco (muri) e involucro trasparente (finestre).

 

Isolamento termico casa: per l’involucro edilizio la regola base è “continuità nell’isolamento”. Ma quali sono gli accorgimenti per ottenere un’ottima posa serramenti con cappotto?

Quando si parla di isolamento termico della casa, dobbiamo sempre tenere a mente una cosa importante: è una questione di “continuità nell’isolamento“. Che cosa significa?

In parole molto semplici, che puoi installare anche i migliori infissi, ma se c’è anche un piccolo punto di disconnessione tra il cappotto termico e il foro finestra, il ponte termico è assicurato. E avere un ponte termico nell’involucro edilizio significa dispersione di calore, con conseguenti problemi di condensa, umidità e muffa nei casi più gravi.

È proprio l’integrazione senza sbavature dell’infisso nella muratura e nel sistema a cappotto che assicura un isolamento termico superiore. Quindi, quando si parla di posa in opera degli infissi con cappotto termico ogni piccolo dettaglio conta.

Ora, a proposito di “dettagli”, purtroppo, ci sono tanti addetti ai lavori che continuano a sottovalutare:

  • il controtelaio; 
  • il davanzale passante. 

 

Sai qual è la prima regola d’oro per ottenere un elevato isolamento termico della casa? Evitare il controtelaio metallico.

È vero, sembra solido e sicuro (e purtroppo è stato ampiamente utilizzato in passato), ma in realtà può trasformarsi in un “ladro di calore”.

Quante volte hai sentito dire che «Tanto si è sempre fatto cos컫Ma cosa vuoi che cambi tra ferro e pvc?»

Eppure non sempre fila tutto liscio. Anzi, quasi mai!

Il controtelaio metallico può diventare un vero e proprio ponte termico, la principale causa di dispersione del calore, condensa e muffa in casa (un ponte termico non rovina solo l’aspetto delle tue pareti ma anche la qualità dell’aria che respiri). Quindi, invece di lasciarti convincere da chi dice che il cappotto termico fa il miracolo comunque, pretendi un controtelaio termico per le finestre (esempio, PVC o EPS, che non sono conduttori termici) e pretendi che venga installato in modo qualificato dal serramentista e non “alla meno peggio” dall’impresa edile.  Perché?

Perché il serramentista qualificato può utilizzare delle accortezze tecniche in termini di isolamento o di tenuta su come installare un controtelaio che magari un professionista che non si occupa di questo tutti i giorni non potrebbe prendere (clicca qui per approfondire).

 

E attenzione anche al davanzale passante!

Il davanzale passante in marmo è molto ricorrente nelle costruzioni attuali, soprattutto nel Centro/Sud Italia dove c’è ancora chi sostiene che sia irrilevante; chi, invece, afferma che tutto sommato un piccolo ponte termico non pregiudica una costruzione, così come c’è chi, convinto della propria teoria, sostiene a più non posso che con il davanzale suddiviso c’è rischio d’infiltrazioni d’acqua e quindi, meglio evitarlo!

Insomma, ognuno dice la sua.

Ma fidati, se il davanzale è passante, cioè crea un collegamento continuo tra l’interno e l’esterno dell’abitazione, hai un altro ponte termico nel foro finestra!

La soluzione? Sempre un controtelaio termico di ultima generazione. I controtelai moderni sono progettati con un’attenzione particolare al “quarto lato”, ovvero il lato inferiore. Questo elemento isolante è cruciale per eliminare i ponti termici tra il bancale esterno ed interno, che sono spesso trascurati. E se per la casa è prevista la posa del cappotto esterno, l’utilizzo di un sottobancale isolante diventa indispensabile. Senza di esso – meglio ripeterlo! – si crea un forte ponte termico, annullando di fatto i benefici del cappotto. È come avere una barriera incompleta.

In questo modo, l’isolamento termico della casa è (quasi) garantito.

“Quasi” perché ci sono altre accortezze tecniche da prendere. Anzi, da “progettare” a monte evitando di improvvisare in cantiere.

 

Isolamento termico casa: gli errori da evitare a tutti i costi per il fissaggio degli infissi su cappotto

Chiarito che il sistema a cappotto deve arrivare fino in corrispondenza con il controtelaio isolato (non ci devono essere parti della muratura o della spalletta privi di isolamento, perché altrimenti ancora una volta avresti dei ponti termici), passiamo alle accortezze tecniche.

Dal punto di vista della tenuta del sistema stesso (cappotto termico + infissi) sarebbe preferibile utilizzare un controtelaio isolato con profili porta-intonaco. Che cosa sono?

Si tratta di profili progettati per essere “affogati” con una rete all’interno dell’intonaco stesso, in maniera tale che oltre ad avere isolamento ci sia anche tenuta del sistema. Tenuta rispetto a tutti quelli che sono gli agenti atmosferici all’esterno della tua casa (puoi approfondire qui)

Queste sono le accortezze maggiori.

Poi, ogni situazione può essere studiata e migliorata.

Ma non fare l’errore di utilizzare un controtelaio metallico o un davanzale passante in presenza di un sistema a cappotto. E ancora, non fare l’errore di non utilizzare questi profili di raccordo con una rete porta-intonaco, che vanno affogati con lo strato di finitura del cappotto stesso (repetita iuvant).

In questo modo, avrai una tenuta nel tempo, massimo isolamento termico per la tua casa e zero problemi nei tuoi ambienti. 

Poi, se vuoi approfondire l’argomento corretta posa in opera degli infissi e controtelaio, ti basta cercare sul questo blog per avere subito a disposizione tanti articoli di approfondimento (Clicca qui e scrivi nella barra di ricerca le parole “controtelaio” o “posa in opera”).

Invece, se vuoi avere da subito al tuo fianco un consulente esperto che analizza il tuo progetto, con le competenze giuste per confrontarsi anche con il tuo progettista e con chi ti farà i lavori di posa serramenti con cappotto, clicca qui e richiedi subito una consulenza personalizzata.

Analizzando il tuo caso specifico, il consulente ti dirà step-by-step tutto quello che dovrai fare per prevenire problemi di isolamento termico della casa ed evitare di spendere un sacco di soldi per avere cappotto termico e infissi che non isolano come dovrebbero.

Cerca il

più vicino a casa tua

Sono sicuro che ti interesseranno anche questi articoli

Info sull'autore

Guido Alberti

Guido Alberti

Consulente e Artigiano Certificato PassivHaus, Tecnico Esperto Finestra CasaClima, figura accreditata dall’Agenzia CasaClima per fornire consulenza a progettisti e committenti. Operatore Termografico di II Livello UNI EN ISO 9712.
Guido Alberti

Guido Alberti

Consulente e Artigiano Certificato PassivHaus, Tecnico Esperto Finestra CasaClima, figura accreditata dall’Agenzia CasaClima per fornire consulenza a progettisti e committenti. Operatore Termografico di II Livello UNI EN ISO 9712.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • HAI BISOGNO DI AIUTO PER OTTENERE GLI INCENTIVI?

    Per ottenere le detrazioni fiscali riconosciute per l’installazione di nuovi infissi e serramenti, hai bisogno di un professionista che possa seguirti sia dal punto di vista tecnico che fiscale. Solo così puoi evitare di commettere errori e perdere il “Bonus Infissi”. 

    Un nostro consulente qualificato può supportarti per sfruttare gli incentivi riconosciuti per gli interventi di risparmio energetico.

    Scarica l'ebook

    La guida posaqualificata.it

    Tutto quello che devi assolutamente sapere sulla posa dei tuoi serramenti

    Seguimi su Facebook

    Ultimi articoli