Posa in opera: Quali errori evitare

DiGuido Alberti

Posa in opera: Quali errori evitare

Ultimamente ricevo sempre più spesso richieste d’aiuto da parte di utenti che, una volta identificato il prodotto, iniziano a valutare più da vicino la posa in opera.

Clienti che fino a qualche minuto prima della mia risposta avevano le idee chiare, ma dopo averla letta, capiscono di essere ancora in alto mare. Posso garantirvi che non mi diverta affatto, ma purtroppo (o per fortuna) sono abituato a dire le cose così come stanno. Molti utenti, in realtà, stanno acquistando un ottimo serramento, ma scoprono che sarà posato decisamente male!
Eppure sul preventivo c’è scritto “montaggio a regola d’arte“…
Probabilmente ci si trova in una situazione del genere sia perchè ‘la regola d’arte’ è un concetto molto soggettivo e astratto, ma anche perchè molti serramentisti abituati a lavorare in un determinato modo da anni, non sono certo disposti a cambiare proprio ora, dato il periodo di difficoltà e con degli utili ridotti all’osso…
Per fortuna però, c’è una piccola parte della categoria che lavora bene, che frequenta corsi e studia la posa in opera dei serramenti
Sono loro che vi stanno ‘regalando’ qualcosa in più, non chi promette omaggi sulla messa in posa… ma in realtà usa metodi e applicazioni datati. Mi spiego meglio, non dico che questa parte andrebbe tagliata fuori, ma oggi abbiamo tutti i mezzi per dare al cliente un servizio di progettazione e posa qualificata.

Ovviamente tutto questo ha un costo, ma è giustificato!

Oggigiorno tutti sono in grado di vendere una buona finestra, ma non tutti riescono a curare i dettagli che fanno la differenza!

Tornando a noi, purtroppo non sono in grado di rispondere a tutti, non per mancanza di volontà né di tempo, ma perché avrei bisogno di una serie d’informazioni che spesso non ho. Stratigrafia della parete, tipo d’intevento, budget e tanti altri dettagli che solo ‘in cantiere’ potrei valutare.
In caso d’intervento di ristrutturazione poi, tutto è più complicato a distanza! Quello che però posso dirvi, senza entrare nel merito dell’appicazione o dei prodotti da usare, è sicuramente cosa evitare per avere una reale posa qualificata, in grado di garantire buone prestazioni in opera del serramento acquistato e durabilità!

Per una corretta posa in opera del serramento, è importante evitare:
– Il controtelaio in ferro tubolare;
– Il controtelaio in lamiera zincata;
La soglia o il davanzale passante, non a taglio termico.

Se riuscite a ‘fuggire’ da questi pericoli siete quasi salvi. Non ci vuole molto!

Se volete un consiglio, affidate la fornitura e posa in opera dei serramenti a chi inizia già con la posa del controtelaio, perché sicuramente poserà un falso telaio isolato, su quattro lati, con materiali isolanti e guaine…

La differenza economica è minima se paragonata ai benefici, perché non affidarsi a chi cura i dettagli di posa in opera del serramento?!

 

Soldi dalla finestra

 

Risparmiare e acquistare un serramento discreto, ma posarlo su controtelaio metallico e soglia passante significa buttare i propri soldi dalla finestra, voi lo fareste?!

Info sull'autore

Guido Alberti administrator

Serramentista 2.0: Esperto CasaClima, Consulente e Artigiano Certificato Passiv Haus, Tecnico Esperto Finestra CasaClima, figura accreditata dall’Agenzia CasaClima in grado di fornire consulenza a produttori di serramenti, progettisti e committenti.

    8 Commenti finora

    Si posa prima il controtelaio o la soglia in marmo?Pubblicato il7:02 am - Set 3, 2012

    […] dire il vero, quando ho parlato degli errori da evitare nella posa in opera ero convinto che avessi, in qualche modo, già risposto a questa domanda ma così non è stato, e […]

    Giancarlo M.Pubblicato il5:13 pm - Gen 7, 2013

    Buongiorno,…
    Ho letto con interesse i vostri rispettivi commenti, e anche se in ritardo mi permetto di contribuire all’argomento con la mia modesta esperienza di installatore di serramenti , porte ecc da circa 22 anni.
    In effetti tutti i consigli riguardati falso telaio , bancale/soglia vetro sono loto importanti , oltre logicamente alla tipologia di serramento .
    Un altro fattore da considerare e’ proprio la posa “in opera “.. la differenza fra un serramento posato ” a regola d’arte “e uno posato “e basta”.. È sostanziale in termini di risparmio energetico…. Ma cos’è che fa la differenza….???
    Senza dubbio sono molte le componenti: pulizia iniziale del basamento dove verrà’ posato il serramento, utilizzo di materiali sigillanti interni ed esterni differenti a seconda della tipologia di materiali dell’infisso , legno,PVC, alluminio ecc…
    Regolazione finale della ferramenta e cosa molto importante …. Regolazione dopo circa 30 giorni dalla posa per completare la chiusura perfetta dei vari punti di effrazione dopo l’assestamento di , viti,vetro, ecc….
    Quindi sono molte le componenti che influiscono i una corretta ” posa in opera”… Ma purtroppo al giorno d’oggi spesso si guarda con insistenza il prezzo finale e non le reali capacità di installatori o produttori.
    Buona giornata
    Giancarlo M.

      Guido AlbertiPubblicato il11:00 pm - Gen 17, 2013

      Grazie per il contributo!
      La differenza sostanziale la fanno il prodotto e la posa in opera. Per posa in opera intendo i prodotti usati e le modalità d’uso. E’ vero che l’utente finale guarda il prezzo, ma se gli spiega per benino le differenze, non credo ci siano grossi problemi!

    Come pretendere la posa dei serramenti qualificata?Pubblicato il7:38 am - Gen 28, 2013

    […] In passato ho già scritto quali errori evitare per una corretta posa in opera. […]

    Il ponte termico del davanzale passante in marmoPubblicato il5:20 am - Lug 8, 2013

    […] averlo promesso più volte, finalmente cercherò di quantificare la dispersione energetica del davanzale passante in marmo. Non vi nego, che per me, sarebbe molto bello parlarne come se questo problema appartenesse agli […]

    Posa in Opera FinestraPubblicato il5:40 am - Set 5, 2013

    […] già provato in passato, con altri articoli, a dare indicazioni su quali errori evitare per una corretta posa in opera e su come pretendere la posa in opera qualificata e non semplicemente “a regola […]

    FabioPubblicato il11:10 am - Mar 23, 2015

    Buon giorno. Ho sostituito da poco i serramenti di casa. Per ragioni condominiali non ho potuto eliminare il contro telaio in ferro. La parte che mi rimane “A vista” l’ho isolata con il cappotto interno (non potendo farlo esterno o optato per farlo all’interno). Può andare come opzione.
    Grazie e complimenti x il sito.

    Commenta

    Ho letto e accetto la privacy policy

    Loading...