Gli showroom di porte e finestre che ti aiutano a scegliere i tuoi serramenti senza errori.

Numero verde

800 947 622

Quali sono i limiti di spesa Ecobonus 110% per singolo intervento?

È doveroso fare chiarezza sui nuovi limiti di spesa Ecobonus 110% dopo la pubblicazione dei decreti attuativi del Mise. Ecco un riepilogo dettagliato dei massimali di spesa previsti dal nuovo Superbonus per l’edilizia

 

C’è tutto, ma la confusione sui limiti di spesa Ecobonus 110% resta!

La pubblicazione dei 2 decreti attuativi Ecobonus, avvenuta lunedì 5 ottobre 2020, ha fatto tirare un sospiro di sollievo a tutti i privati che intendono riqualificare la propria casa sfruttando il 110% e ai professionisti del settore.

Ora non manca più niente!

E allora perché c’è ancora tanta confusione su quali sono i limiti di spesa per l’Ecobonus 110%?

A parte la novità riguardante l’introduzione di un limite di detrazione di 15.000 euro per gli interventi di building automation effettuati a partire dal 6 ottobre 2020, il problema principale è quello relativo agli interventi da trainare al 110%.

Nel decreto requisiti tecnici sono definiti tutti i “massimali di costo specifici per singolo intervento”, ma servirebbe un’ulteriore norma per fare chiarezza sull’ Ecobonus trainato. Stando alle ultime modifiche apportate ai decreti recentemente pubblicati, alcuni interventi trainati potrebbero essere considerati trainanti, ma per il contribuente converrebbe l’ipotesi “trainati” per beneficiare di maggiori tetti di spesa.

Insomma, ci sono indicazioni contrastanti tra i nuovi decreti e la norma primaria.

Ma non è mia intenzione soffermarmi su questi aspetti, rimasti un po’ nell’ombra, che sicuramente saranno chiariti nei prossimi giorni dagli addetti ai lavori.

Per non creare ulteriore confusione, ho deciso di creare una sorta di tabella dei limiti di spesa dell’Ecobonus 110%, prendendo come riferimento sia i 2 interventi trainanti principali descritti all’articolo 119 del Decreto Rilancio, che la sostituzione dei vecchi infissi, che resta un intervento da trainare.

 

Ecobonus 110%: i limiti di spesa dopo la pubblicazione dei decreti attuativi

I decreti attuativi del Mise occupano un gradino più basso rispetto alla legge e, sulla base di quanto appena detto, la domanda sorge spontanea: possono prevedere una definizione dei massimali di spesa per il nuovo Ecobonus 110%?

Non voglio affrontare la questione dal punto di vista giuridico, ma questa precisazione è importante:

l’articolo 14, comma 3-ter del Dl 63/2013 ha delegato il Ministero dello Sviluppo Economico a definire non solo i requisiti tecnici per singolo intervento, ma anche i massimali di costo.

Quindi, nessun errore giuridico: il Mise poteva introdurre limiti di spesa e di congruità.

Il problema è che la confusione sui massimali di spesa resta.

Che cosa cambia?

Scopriamolo insieme.

 

Ecobonus 110%: limiti di spesa per cappotto termico

L’isolamento termico dell’involucro edilizio rientra nella categoria degli interventi trainanti:

  • per il vecchio Ecobonus la detrazione Irpef e Ires era stata fissata al 65%, con un limite di spesa di 92.307,00 euro con detrazione di 60.000 euro;
  • il limite di spesa del nuovo Ecobonus è stato fissato a 54.545,45 euro con detrazione di 60.000 euro in 5 anni. Per gli interventi sulle parti comuni condominiali – isolamento termico del 25% e più della superficie lorda disperdente dell’intero edificio – il limite di spesa è di 40.000 euro, con detrazione di 44.000 euro per ogni unità immobiliare.

 

Sono compresi in questo quadro anche gli interventi su coperture e pavimenti.

 

Ecobonus 110%: limiti di spesa per impianti di riscaldamento

Quando si parla di impianti di riscaldamento è bene fare una precisazione sulla tipologia di intervento, che può riguardare:

  • acquisto e posa in opera di impianti con generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • sostituzione, anche parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti che prevedono l’installazione di una caldaia a condensazione;
  • sostituzione, anche parziale, del vecchio impianto con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia.

 

In tutti questi casi è stata definita la possibilità di beneficiare di una detrazione Irpef e Ires del 110% – sempre rispettando tutti i nuovi limiti previsti dalla legge in vigore, compreso il salto di 2 classi energetiche – con tetto massimo di spesa di 27.272,73 euro e di detrazione di 30.000 euro in 5 anni.

 

Ecobonus 110%: limiti di spesa infissi e schermature solari

Per le finestre comprensive di infissi e le schermature solari, si passa dai 120.000 euro di spesa massima prevista dal vecchio Ecobonus al 50%, a un limite di spesa di 54.545,45 previste dal Super Ecobonus 110%.

Ma attenzione a leggere attentamente questi dati.

È vero che con il vecchio Ecobonus il limite massimo di spesa era nettamente superiore, ma la detrazione spettante, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo, era di 60.000 euro.

Quindi la stessa prevista dalla nuova legge in vigore per l’efficientamento energetico degli edifici esistenti. Con la differenza sostanziale che, con il 110%, la detrazione di 60.000 euro è da ripartire in 5 quote annuali.

E se non è possibile accedere all’Ecobonus?

Resta valido il Bonus Infissi 2020.

 

Come sono stati calcolati i limiti di spesa per gli interventi previsti dal nuovo Ecobonus 110%?

Se sei arrivato fin qui, sicuramente ti sarai chiesto: “perché la spesa massima per l’acquisto e l’installazione di nuovi infissi è di 54.545,00 euro e non 60.000 euro?”

Semplicemente perché la detrazione massima prevista per singola unità immobiliare è stata divisa per l’aliquota del 110%: 60.000 euro/1,1 = 54.545 euro.

Ma voglio soffermarmi su quella che è la combinazione vincente di interventi per poter accedere all’Ecobonus 110%: cappotto termico e sostituzione dei vecchi serramenti.

In questo specifico caso, per determinare il limite massimo di spesa e di detrazione per il 110% devono essere considerati cumulativamente sia gli interventi sulle strutture opache (verticali e orizzontali) sia l’intervento previsto per l’installazione di nuovi infissi.

 

Solo un professionista qualificato può aiutarti ad accedere al Super Ecobonus 110%

Limiti di spesa, asseverazioni, documenti e procedure ben definite da rispettare per non commettere errori e ritrovarsi in spiacevoli situazioni a seguito dei controlli Ecobonus dell’Agenzia delle Entrate.

È davvero difficile puntare al 110%!

Ma un consulente posa qualificata può aiutarti a percorrere tutta la strada superando senza difficoltà gli ostacoli.

Con un’analisi inziale del tuo caso specifico ti aiuterà a trovare la soluzione migliore per la tua casa, approfittando delle agevolazioni fiscali Ecobonus 2020 anche per la sostituzione dei vecchi infissi.

E dal punto di vista fiscale potrai contare sull’aiuto dei massimi esperti in Italia sulle detrazioni fiscali.

In che senso?

Sarà lo stesso consulente posa qualificata di zona a metterti in contatto con un professionista esperto in materia fiscale.

 

posaqualificata.it, il punto di riferimento per la corretta posa in opera dei serramenti, e DetrazioniFacili.it, la Rete di Professionisti Esperti in tutta Italia per la gestione delle pratiche di detrazione fiscale, collaborano per un risultato garantito.

 

Per sfruttare l’Ecobonus 110% senza commettere errori, non devi far altro che prenotare la tua consulenza personalizzata.

Cerca il

più vicino a casa tua

Sono sicuro che ti interesseranno anche questi articoli

Info sull'autore

Guido Alberti

Guido Alberti

Consulente e Artigiano Certificato PassivHaus, Tecnico Esperto Finestra CasaClima, figura accreditata dall’Agenzia CasaClima per fornire consulenza a progettisti e committenti. Operatore Termografico di II Livello UNI EN ISO 9712.
Guido Alberti

Guido Alberti

Consulente e Artigiano Certificato PassivHaus, Tecnico Esperto Finestra CasaClima, figura accreditata dall’Agenzia CasaClima per fornire consulenza a progettisti e committenti. Operatore Termografico di II Livello UNI EN ISO 9712.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *