Tavola Rotonda nZEB – KlimaHouse 2017

DiGuido Alberti

Tavola Rotonda nZEB – KlimaHouse 2017

 

 

Durante l’ultima edizione della fiera KlimaHouse di Bolzano, ho partecipato, con altri professionisti di settore, a una tavola rotonda in cui si è fatto il punto sugli nZEB, organizzata da EdicomEdizioni, che ringrazio pubblicamente per avermi voluto tra i partecipanti!

Le esperienze riportate dai partecipanti hanno messo in rilievo un problema comune:

Non sempre ciò che è stato progettato viene eseguito in cantiere!

Non c’è quindi correlazione tra progetto ed esecuzione. Il più delle volte l’esecuzione è pessima perché manca la formazione di chi, all’atto pratico, esegue quanto progettato.

Questo non perché non vi sia una progettazione attenta e meticolosa dei dettagli da parte di chi progetta, ma perché mancano proprio le basi per fare le cose in un certo modo, o meglio le competenze di chi opera in cantiere.

Non solo, ma su dieci problemi più ricorrenti in cantiere, più della metà sono imputabili ai serramenti!

Attenzione però; non ai serramenti intesi come prodotti, ma alla posa degli stessi!

Una scarsa tenuta all’aria, piuttosto che ponti termici non risolti, non possono essere imputabili al prodotto, ma a una mancanza di:

  • Progettazione del sistema finestra; proprio così, non è infatti sufficiente un serramento ultra performante per garantire ottimi risultati in cantiere!

 

  • Scarsa cura dei dettagli costruttivi; la tenuta all’aria, nelle costruzioni a basso consumo è fondamentale. La tenuta all’aria va progettata e correttamente eseguita in cantiere; non si può improvvisare!

 

La soluzione? Semplice: formazione.

La formazione, di qualità, avrà per i prossimi anni un ruolo fondamentale.
1
La formazione non dovrà soltanto interessare i posatori, ma anche altre figure del processo, come ad esempio chi progetta i nodi di posa.
1
La formazione sarà quindi, ancora una volta, ciò che consentirà a molti di fare un salto di qualità verso costruzioni a basso o bassissimo consumo energetico.

Senza formazione non ci saranno opportunità per molte imprese.

L’Agenzia CasaClima ha formato negli anni Davvero tanti professionisti: dagli esperti ai consulenti, non c’è regione che non abbia figure di riferimento.

Tuttavia la difficoltà di questi tecnici consiste nel  trovare imprese, sul territorio, che siano in grado di essere i loro bracci in cantiere.

Un altro problema sollevato è quello della poca sensibilità del committente verso queste tematiche! Bisogna quindi fare informazione verso l’utente finale, che il più delle volte non riconosce il valore aggiunto della progettazione! Sai cosa succede in questi casi?

 

Ti faccio un esempio.

 

Mettiamo che tu voglia la mia consulenza, o magari di un altro tecnico formato CasaClima, per riqualificare la tua abitazione.

Ad un primo contatto seguirà un primo sopralluogo, magari anche più di uno, per determinare le tue esigenze e ‘progettare’ in dettaglio l’intero sistema finestra, corredato da disegni e capitoalati.

Poniamo però che terminato il mio lavoro di consulenza e consegnato il mio ‘piano di lavoro’, tu decida di affidarti all’impresa dell’amico di famiglia, del cugino di tuo zio e che ti ha anche fatto un prezzo niente male.

E supponiamo, cosa che credimi accade nella maggior parte dei casi, che questa ditta sia abituata a lavorare da sempre alla vecchia maniera… e per la quale la mia consulenza vale addirittura ben poco.

O magari, se ti va bene, seguirà sommariamente il mio progetto aggiustandolo di tanto in tanto, uniformandolo ai prodotti che si hanno in cantiere tanto cosa vuoi che accada…

Bene, sai cosa accade?

Avrai bisogno di una seconda consulenza che non farà altro che attestare gli errori/orrori frutto del lavoro eseguito.

Spenderesti il doppio, per un lavoro fatto male da chi non ha deciso di formarsi, anche perchè ricorda, formarsi costa…

Ma è giusto che sia tua a pagare due volte?

A te la scelta!

 

Info sull'autore

Guido Alberti administrator

Consulente e Artigiano Certificato PassivHaus, Tecnico Esperto Finestra CasaClima, figura accreditata dall’Agenzia CasaClima per fornire consulenza a progettisti e committenti. Operatore Termografico di II Livello UNI EN ISO 9712.

    2 Commenti finora

    PaoloPubblicato il9:51 am - Gen 30, 2017

    Riconosco e condivido quanto nell’articolo espresso.
    Purtroppo la base di tutto questo è la ancora poca conoscenza non delle problematiche (che sta ai tecnici gestirle) ma degli errori commessi dai “professori che san tutto”; purtroppo quando questi errori emergono, non sempre si possono correggere e comunque di rattoppo si tratta.
    Alla base c’è poca cultura da parte del committente soprattutto se fuori dal settore (privato) al quale, non sempre per fortuna, non viene chiesto ma estorto denaro e non meno importante, questi cialtroni portano via il lavoro a tecnici che hanno investito nello specializzarsi…
    Come in tutte le cose, la soluzione è investire nella cultura; cosa quest’ultima che ne evidenzia i risultati, purtroppo differiti nel tempo ma pur sempre positivi come dimostrato.

    Paolo

      DanielPubblicato il5:04 pm - Gen 30, 2017

      I professori che sanno tutto sono solo capaci di rovinare tutto.
      Loro sono tra di noi, e pure il cliente ottiene lo stesso le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica anche se la posa è stata fatta da un incompetente con tanto di spifferi e ponti termici.

    Commenta

    Ho letto e accetto la privacy policy